VAI AL SITO

23.04.2013

2013_04_23_ForumValoreD

Non c’è la leadership, solo leader in carne e ossa

Si è svolto oggi, a Roma, Forum Valore D, l’appuntamento annuale in cui l’Associazione Valore D si confronta con le istituzioni e i maggiori esponenti del mondo economico, accademico e aziendale su una serie di temi legati alla presenza delle donne all’interno dell’impresa. Al centro del confronto diversi temi e, in chiusura, una domanda: come dovrà essere il leader di domani? Su cosa dovrà puntare? Vediamo quali spunti sono emersi sul tema leadership.

Valore D
, per chi non lo sapesse, nasce dall’incontro di 12 grandi imprese che, nel 2009, hanno deciso di costituirsi in associazione per sostenere e promuovere la leadership femminile in azienda e la rappresentanza femminile nei ruoli apicali. La mission emerge in modo molto chiaro già dal video di presentazione del progetto:

 

 

Molto articolato il programma della giornata, che ha visto alternarsi sul palco AD di grandi aziende come Laura Donnini di RCS, presidenti come Patrizia Grieco di Olivetti, ma anche rappresentanti del mondo della politica come la deputata europea Sylvie Goulard e il ministro Passera e studiosi come la sociologa Chiara Saraceno.

Fra i temi trattati ci sono stati quelli del profitto (inteso nella sua accezione più ampia, di motore di sviluppo non solo economico ma sociale e di collante fra la dimensione del lavoro, quella dell’innovazione e quella, centrale, della persona), del rispetto e dei modelli di ruolo. Uno spazio dedicato ha avuto la presentazione della ricerca McKinsey dal titolo “Verso un nuovo equilibrio. Il welfare aziendale per coniugare profitto, rispetto e leadership“, ma il vero filo conduttore di tutti gli interventi è stato quello della leadership, affrontata non solo da una prospettiva femminile, ma a 360 gradi.

Di leadership si è parlato molto nel pomeriggio, soprattutto durante l’incontro dal titolo “Anatomia di una nuova leadership“, cui hanno preso parte – moderati dalla giornalista Maria Latella – Alessandro Castellano, AD del gruppo assicurativo SACE e Giovanna D’Alessio, CEO di Asterys, società che si occupa di sviluppo organizzativo a livello globale.

Ecco qualche spunto emerso e che ci pare utile condividere:

1. L’AUTOREVOLEZZA NASCE DALL’INCONTRO FRA MERITO ED ESEMPIO

Secondo Castellano, vero leader è colui (o colei) che è portatore di merito e che sa porsi rispetto ai propri collaboratori come un esempio. È solo dall’incontro fra merito ed esempio che scaturisce lautorevolezza. Come ha ricordato Giovanna D’Alessio, “leader” e “capo” sono due cose molto diverse. Un conto è la posizione che una persona ricopre all’interno della scala gerarchica, alla cui vetta si arriva per tante ragioni (esperienza, specializzazione, altre ragioni) e che garantisce il potere, mentre la vera leadership è quella che nasce da una forza interiore che permette – se utilizzata nel modo giusto – di ottenere risultati attraverso il lavoro di altre persone. Il leader è chi sa lasciarsi alle spalle le modalità superate di uno stile improntato a comando e controllo e diventa fonte di ispirazione per i propri collaboratori e diventa un role model di un comportamento virtuoso.


2. LA LEADERSHIP HA BISOGNO DI MODELLI

Se ne parla da anni, ma il problema della mancanza o, perlomeno, della scarsità di modelli di ruolo in ambito di leadership diventa sempre più pressante, anche perché sembra non interessare solo più le donne, ma chiunque si confronti con la figura del leader all’interno delle aziende. [vedi punto 3]


3. IL LEADER LAVORA SULLA PROPRIA CONSAPEVOLEZZA ED EQUILIBRIO

Oggigiorno, ha fatto notare sempre D’Alessio, si sta verificando un fenomeno interessante di messa in crisi della leadership all’interno delle organizzazioni, laddove i lavoratori più giovani non sono più disposti ad accettare come modello di riferimento il leader autoritario (nel peggiore dei casi) o che non abbia saputo costruirsi un equilibrio fra spera personale e sfera professionale, rinunciando a fare del proprio percorso di vita e lavoro un cammino di conquista della consapevolezza di sé. I modelli tradizionali di leadership non vengono perciò più riconosciuti e questo processo è interessante, perché sembra rimandare a una questione generazionale (e quindi culturale) più che a una questione di genere.

Siamo finalmente di fronte ai segnali concreti di un cambiamento irreversibile negli stili di leadership?


4. IL LEADER SA ACCETTARE LA PROPRIA VULNERABILIT
À E MANIFESTARLA

Essere leader – ha commentato Latella – significa anche saper convincere, col proprio stile e col proprio esempio. Per essere convincente un leader dovrebbe svelare anche i propri lati deboli, le proprie paure? È arrivato il momento di recuperare l’umanità del leader? A questo proposito, D’Alessio ha condiviso un’esperienza vissuta in prima persona, dimostrando che un leader si può anche permettere di parlare di sé e delle proprie difficoltà: “Tutti noi -dice- nasciamo vulnerabili e passiamo la vita a cercare di nasconderlo, persino a noi stessi. Ho passato i miei 15 anni in azienda cercando di dimostrare quanto fossi forte, potente, invulnerabile, per poi rendermi conto che lì stava la vera debolezza, nel cercare di pretendere di essere indistruttibile.”


5. IL LEADER SA CHE IL FALLIMENTO FA PARTE DI OGNI PROCESSO DI APPRENDIMENTO

Castellano chiosa aggiungendo che è altrettanto importante che un leader, oltre ad ammettere le proprie debolezze, sia in grado di ammettere che ci sono cose che non sa, perché il fallimento è parte integrante di ogni processo di apprendimento.


6. IL LEADER NON SI CIRCONDA DI PERSONE TROPPO SIMILI A SÉ

Molto importante, infine, il richiamo di D’Alessio all’importanza, per un leader, di non scegliere sempre collaboratori con personalità simili alla propria, rimanendo così all’interno della propria zona di comfort. Tutti noi cerchiamo di circondarci di persone simili a noi, questo è umano, ma così facendo rischiamo di perdere tutta la ricchezza -in termini di talento, punti di vista, specificità- che possiamo trovare all’interno delle organizzazioni. Come ha detto bene Castellano, “L’appiattimento non premia. Nessuna organizzazione schiacciata sul proprio leader ha veramente successo, anche se dall’esterno può sembrare così.”

A questi spunti, vogliamo aggiungere quelli che arrivano dalle parole della deputata Alessia Mosca, intervenuta sul tema “Leadership e potere“. Con le sue parole ci piace chiudere questo post:”Per favorire un avanzamento – ha detto Mosca – serve una visione, occorre fare in modo che tutti siano messi nelle condizioni di esprimere la propria creatività e dare il massimo nello svolgimento delle proprie mansioni. Dobbiamo ricordarci che la leadership è un mezzo, non un fine, è ciò che serve per realizzare una visione.”e sempre a lei dobbiamo il punto 7, nonché il nostro titolo:

7. NON ESISTE LA LEADERSHIP, CI SONO SOLO LEADER IN CARNE E OSSA.

 

I contenuti di questo post sono rilasciati con licenza Creative Commons 3.0 (CC BY-NC-SA 3.0). L’immagine in evidenza è di Valeria Cinelli.

Tag:

5 Risposte a “Non c’è la leadership, solo leader in carne e ossa”

  1. web page scrive:

    Possibility Model Supervision is the security password for almost any style
    as well as advert function. There exists a large starting regarding mixers fit distinct
    tastes.

    Alsso viit my site … web page

  2. Hi mates, how is everything, and what you would like to say on the topic of this paragraph,
    in my view its genuinely remarkable in favor of me.

  3. Hey there! This iss kind of off topic but I need slme advice from an established
    blog. Is iit difficult to sett up your own blog? I’m noot very techincal but I
    can fiure things out pretty quick. I’m thinking about setting up my own but I’m not sure where to begin.
    Do you have any tips or suggestions? With thanks

    Feel free to visit my page :: http://seoexpertatlanta.net

  4. I don’t know whether it’s just me or if perhaps everyone else encountering issues with your website.

    It loiks like some of the written text in your posts are running off the screen. Can somebody else please comment and leet
    me know if this is happening to them too? This might be a issue with my web browser because I’ve had this happen before.

    Appreciate it

  5. Everything published made a ton of sense. However, consider this, suppose you added a little
    content? I ain’t saying your information is not good,
    however suppose you added a headline that makes people want more?
    I mean Non cè la leadership, solo leader in carne
    e ossa | Dof Consulting is kinda boring. You might peek at Yahoo’s front page and see how they create news headlines to grab viewers interested.
    You might try adding a video or a picture or two to get readers
    interested about what you’ve written. In my opinion, it might make your posts a little livelier.

    My blog … Folding Chairs Dallas – folding aluminum chairs

Lascia una risposta

Giovanna Tinunin

Giovanna Tinunin

Autore

Si occupa di storytelling, ascolto e conversazione all’interno delle organizzazioni e segue progetti sulla comunicazione interna ed esterna, in particolare quelli legati al marketing territoriale. Qui la troverete spesso. Se non vi basta, cercatela sul suo social network "preferito", Twitter, come @platipuszen

Archivio post

settembre: 2017
L M M G V S D
« set    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930