VAI AL SITO

12.06.2014

Giovanni Tavaglione, Scuola di Process Counseling

Counseling e organizzazioni: parte il nuovo Master SPC!

UPDATE
-> la nuova edizione del MASTER IN COUNSELING ORGANIZZATIVO parte sabato 27 settembre, presso la nuova sede DOF in via Via San Lazzaro 9! ANCORA 2 POSTI DISPONIBILI!!!


Con la solita formula  a cui siamo affezionati dell’avvio prima delle vacanze estive, è in partenza il nuovo Master in Counseling per lo sviluppo organizzativo. Ancora qualche posto disponibile, ma soprattutto l’entusiasmo di un team di lavoro che è soddisfatto della strada intrapresa. Di questo e del Master ha parlato qualche giorno fa sul sito della Scuola di Process Counseling, Giovanni Tavaglione, direttore scientifico. Riproponiamo qui il suo pezzo :)

È passato quasi un avvio dall’avvio del Master che dedichiamo alle applicazioni del Counseling in ambito organizzativo e ora siamo di nuovo qui, a parlare di quello nuovo, in partenza fra poco. Stiamo chiudendo le selezioni, per cui questo  è il momento giusto per ricordarci perché lo facciamo :)

È sempre un’emozione quando parte un nuovo percorso formativo. Non solo perché ci dà il polso del gradimento che la Scuola riscuote (anche se questo è importante, ovviamente), ma anche perché per noi significa che avremo la possibilità di incrociare il nostro percorso con quello di altre persone.

Incrocio da cui nasceranno, com’è stato finora, spunti, amicizie, persino progetti.

Per noi, una cosa sempre bella è ritrovare la sorpresa di chi scopre che esiste un percorso che riesce a calare il Counseling all’interno delle dinamiche organizzative. Sempre un anno fa (o giù di lì) abbiamo pubblicato una lunga intervista al fondatore della Scuola e amico Alessandro Rinaldi, in cui gli chiedevamo di rispondere alle molte domande che ci arrivano, soprattutto durante gli incontri di selezione della Scuola. Fra le più frequenti, c’era proprio quella sulla particolarità del nostro lavoro, che diceva appunto: “Perché in una scuola di Counseling c’è un Master sul counseling organizzativo?”

Ripropongo una parte della risposta di Alessandro, perché penso che sia quella che ci rappresenta meglio:

“In questi anni di sperimentazione, ci siamo resi conto sul campo che c’era molto spazio per portare il Counseling nel grande mondo dello sviluppo organizzativo. Nulla di nuovo in termini teorici. Rogers ci era arrivato anni fa [Carl Rogers, uno dei padri del Counseling], ma da lì a poter dire che questo è possibile, ci passano centinaia di ore passate dentro alle aziende, dentro a grandi organizzazioni industriali, dentro gli ospedali, le scuole le squadre sportive, le cooperative.

A fronte della nostra esperienza, ci sentiamo di poter dire che oggi, nel mondo del lavoro, ci sono enormi potenzialità per il Counseling. Enormi perché fra le grandi priorità di cambiamento delle organizzazioni c’è, com’è ovvio, il tema dei costi, lo sviluppo delle nuove tecnologie e molto altro, ma d’altra parte è interessante notare come tutti questi elementi del sistema non funzionano in assenza di una base relazionale molto solida perché dal processo relazionale dipende la comunicazione (sia orizzontale che verticale), la possibilità di impostare percorsi di crescita basati sulle competenze, la nostra capacità di ascoltare chi lavora nei suoi momenti di stress e di difficoltà, il sentirsi parte effettivamente o meno di una comunità.”

E il nostro obiettivo è sempre lo stesso: aiutare gli allievi ad acquisire un modello completo di applicazione del counseling aziendale allo sviluppo organizzativo. Per migliorare le organizzazioni dall’interno, rendendole sempre più attente ai bisogni delle persone che le abitano e più pronte ad ascoltare quelli dei loro clienti. Allo stesso tempo, siamo convinti che l’ambito delle risorse umane si trovi, in questo momento storico, davanti a una sfida davvero epocale: decidere di puntare sul talento, sulla responsabilità e sull’impatto che l’azienda (di qualunque tipo sia) produce su tutta la società per rendere davvero il mondo un posto migliore non è facile, ma è l’unico percorso possibile verso l’uscita dalla crisi. Come si fa? Incrociando mondi, per esempio, che è quello che cerchiamo di fare in questo Master, forse addirittura di più che negli altri percorsi.

Il mondo delle organizzazioni è molto vasto e comprende realtà molto diverse: dalla multinazionale B2B alla cooperativa che offre servizi alla persona. Nel costruire i gruppi classe, abbiamo sempre cercato di mescolare le diverse provenienze, perché dalla diversità e dall’unicità di ogni persona e del ruolo che porta con sé possono nascere grandi cose e nuove soluzioni.

 

Se volete fare questo pezzo di viaggio con noi, siamo alle ultime battute di selezione, come dicevo all’inizio. I nostri Master non sono per tutti, è vero, ma se vi siete incuriositi e volete saperne di più vi lascio alla parte più “tecnica” dell’articolo. Prima, però, vi lascio il mio recapito, perché leggersi è bello, ma parlarsi lo è di più :)
Per cui, se volete, mi trovate al 3339899331. È il numero da chiamare se volete incontrarmi e capire insieme se voi fate per noi e noi per voi :)

Dimenticavo di lasciarvi i link alla prima e alla seconda parte dell’intervista ad Alessandro! Ve la consiglio, perché contiene tanti spunti interessanti!

 

Qualche parola sul Master

La struttura portante del percorso rimane invariata. Prevede, infatti, un’ampia panoramica sui modelli teorici principali di riferimento sia nell’ambito della psicologia umanistica che dei modelli di empowerment e la combinazione con strumenti creati e utilizzati da DOF in organizzazioni di ogni tipologia e dimensione (dalle multinazionali alle cooperative, dalla Pubblica Amministrazione alla PMI): Circoli di ascolto organizzativo, Teatro d’impresa, il modello di people management centrato sul competence model HDS (Human Development Set) e The Village, il social game per lo sviluppo del talento, oltre a molti altri. Laboratori formativi, colloqui individuali, gruppi di sviluppo personale e di pratica, residenziali rappresentano solo alcuni dei momenti formativi che si possono vivere durante lo svolgimento del Master.

Per avere un’idea più precisa del piano di studi e degli argomenti che affronteremo durante il percorso, vi rimando alla SCHEDA dedicata e alla BROCHURE. Non contengono proprio tutto, ma sono sufficienti a farsi un’idea di quello che faremo nei prossimi 18 mesi :)

La didattica è fortemente esperienziale, il che significa che cerchiamo persone che siano disposte a mettersi in gioco. Oltre a questo, cerchiamo persone interessate ad applicare all’ambito professionale modelli innovativi di counseling, formazione e consulenza.

Vi invito a leggere con attenzione il materiale informativo (piano di studi, dettaglio costi, ecc.) e a valutare se è quello che state cercando per la vostra crescita professionale.

Per tutto il resto, sentiamoci!

A presto,
Giovanni

 

Tag:

Una replica a “Counseling e organizzazioni: parte il nuovo Master SPC!”

  1. Article Source: more information on how to regrow
    your hair check out Total Hair Regrowth Review. To get hair loss reviews
    for both male as well as female hair loss treatments along with extensive advice ensure
    that you visit is a fellow sufferer of hair loss and highly recommends the revolutionary Hair – Max Laser Comb to
    stop thinning hair. The doctors and the physicians must be experienced and trained in handling the laser instruments.

    Look at my web-site – ingrown toenail home treatment

Lascia una risposta

Giovanna Tinunin

Giovanna Tinunin

Autore

Si occupa di storytelling, ascolto e conversazione all’interno delle organizzazioni e segue progetti sulla comunicazione interna ed esterna, in particolare quelli legati al marketing territoriale. Qui la troverete spesso. Se non vi basta, cercatela sul suo social network "preferito", Twitter, come @platipuszen

Archivio post

giugno: 2017
L M M G V S D
« set    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930